Owen Wilson

Owen Wilson

Lo spazio comprende anticipazioni esclusive ed i contributi degli appassionati come voi. Ciò detto, l'immaginario di Rob Zombie non è così geniale come pare credere lui stesso, e non basta a riscattare le suddette debolezze narrative.Il doppiaggio, caso abbastanza raro di una direzione milanese (Luca Sandri) con un cast vocale praticamente del tutto romano, è fondamentalmente riuscito senza particolari entusiasmi, e si fa notare più che altro per alcune scelte peculiari, come Rossella Acerbo di nuovo sulla protagonista Sheri Moon Zombi (dopo La casa del diavolo) ma ben lontano dalla abituale Sefit, o il felice ritorno di Michele Kalamera (che al cinema non si sentiva da parecchio) su un attore però che non ci si sarebbe aspettati come Bruce Davison. Molto brava Laura Boccanera a doppiare una vecchia megera incartapecorita. è l'emblema perfetto e forse inarrivabile di quello che dovrebbe essere un film politico nel senso più alto e nobile del termine: molto dettagliato ma non tecnicistico, mai semplicistico ma chiarissimo, lucidissimo ma appassionato, sobrio ma non piatto (con delle ottime intuizioni registiche nel registro onirico), critico ma non qualunquista, equilibrato ma non cerchiobottista, spietato nel mettere a nudo le logiche del potere ma anche ricco di umanità. Il tutto senza ricorrere né a facili moralismi, né alla comoda scappatoia del grottesco.Il doppiaggio complessivamente è buono, anche se sul protagonista (l'immenso Olivier Gourmet) forse Paolo Marchese è un po'troppo duro (e qua e là un po'piatto), meno adatto di quell'Enzo Avolio che lo ha sempre doppiato nei film dei fratelli Dardenne (qui produttori, non si poteva continuare su quella strada allora?). Si paga il dazio al solito presenzialismo di De Sando e Biagini, ma almeno stavolta sono su attori su cui stanno bene (soprattutto il solito) e soprattutto c'è un certo spazio per doppiatori spesso sottovalutati come Roberto Certomà ed Emanuela D'Amico.Questa volta vi propongo in anteprima assoluta le principali voci italiane del dramma romantico grande Gatsby (titolo originale Great Gatsby diretto da Baz Luhrmann e basato sul romanzo di F. Scott Fitzgerald. Il film è in uscita in Italia giovedì 16 maggio 2013 su distribuzione Warner Bros. Pictures Italy.Il doppiaggio è stato curato da CDC Sefit Group con la direzione del doppiaggio di Filippo Ottoni.Di seguito, chi doppia i principali attori protagonisti (tra parentesi il ruolo interpretato):Leonardo DiCaprio (Jay Gatsby) è doppiato da Francesco Pezzulli, voce italiana dell da + Giulietta e Beach fino ai più recenti Island Edgar e Unchained Maguire (Nick Carraway) è doppiata da Marco Vivio, voce dell in numerosi film come Boys 2 e 3 Un mito senza tempo e a Berlino Mulligan (Daisy Buchanan) è doppiata da Valentina Mari, in precedenza doppiatrice dell nei film Street: il denaro non dorme mai lasciarmi e Edgerton (Tom Buchanan) è doppiato da Simone Mori, abituale voce italiana di attori come John C. Reilly, Ice Cube e Mekhi Phifer.Isla Fisher (Myrtle Wilson) è doppiata da Gabriella Borri, tra l doppiatrice di Catherine Zeta Jones nei film Presenze e e dissapori Clarke (George B.Le domande e risposte sono curate da Angelo Quagliotti, Lorenzo Bassi e Franco Longobardi dell culturale First National di Milano.Un glorioso doppiatore con mezzo secolo di leggio e migliaia di doppiaggi alle spalle, in un biasimò gli "slanci creativi" nel doppiaggio, sostenendo come creatività è aggressiva e stravolge il lavoro svolto dall basso profilo di facciata che non rispecchia una realtà italiana ben più caotica, ma altrettanto feconda per il fiorire del talento e dell Infatti è il suo stesso curriculum a smentirlo, rivelando come l da lui più doppiato in assoluto (almeno 9 volte su 29 film interpretati) sia stato un celebre cantante italiano dall aristocratica.Chi sono i protagonisti di questo italico aneddoto? In quali pellicole si sono ripetuti questi doppiaggi le vostre risposte a questa mail, o aspettate lunedì 6 maggio 2013 per trovare la soluzione nel sito, all della pagina del gioco (linkata sul logo qui sopra), ed il giorno dopo in questo spazio sul blog.Qualche indizio utile doppiatore ha dato voce ad uno dei fratelli cinematografici italiani più noti.Questa è decisamente la settimana di Iron Man 3. Ecco il parere di molti utenti, nell'ordine ray, alexjacko85, butch coolidge, verde, blackmaskwf e rodan75: attenzione agli SPOILER per chi non avesse ancora visto il film.Bene, visto ieri sera con Alex, a me è piaciuto molto, mi ha decisamente intrattenuto, ma anche a me molte cose mi hanno lasciato perplesso, pur non guastandomi la visione hanno stemperato di molto il film, che da eccellente intrattenimento non è potuto per me diventare (inteso in senso soggettivo, come filmoni dei problemi con quel tipo di finale in cui tutto degenera, tutti fanno tutto, un po tutti si ritrovano coi superpoteri e quando un personaggio la persona che ama il personaggio ha una reazione di due secondi e poi torna a fare battutine xDHo apprezzato, e molto, la gestione del villain. Tra l durante il film, vista la gestione da villain nell di Kingsley, pensavo più figo se saltasse fuori che è manovrato da Pearce e non viceversa quindi mi è andata benissimo. Alcuni si sono lamentati, tra cui qualcuno dietro di noi mentre uscivamo, per una questione di fedeltà ai fumetti, perché il Mandarino è un supervillain coi controcazzi, grande minaccia che meriterebbe quel trattamento che ha avuto, per dire, il Joker nei film di Batman. Io che i fumetti non li leggevo gradisco così, gradisco che si facciano scelte coraggiose (anche in merito alla gestione pre uscita, vedi il concentrarsi moltissimo sul Mandarino come villain), che sorprendano, che cambino le carte in tavola e che ribadiscano una certa indipendenza rispetto al fumetto, trattandosi per l di un prodotto diverso. L è che sia di qualità: per dire, non ho problemi con i film di Harry Potter (di cui sono appassionato a differenza dei fumetti Marvel o DC) per mancanza di fedeltà ma per la qualità dei film in sé, a parte i primi due. E quella metafora politica a me non dispiace, anche se non nuova.Per un attimo però avrei creduto, e mi sarebbe andato comunque bene, che Kingsley stesse facendo l Gruber della situazione, ma il modo in cui era vestito annullava questo sospetto xDDowney Jr. trascinante e divertentissimo, cosa che il film è: divertente. Ho apprezzato anche il suo screen time come Stark, molto maggiore rispetto a quello come Iron Man, così come la presenza di scene d con armi da fuoco o mixate: in generale anche la gestione delle armature nelle scene ha avuto spesso risvolti riuscitissimi, anche se la mossa finale (distruggerli tutti) secondo me è stata un po una cazzata. Un po tanto.Alcune cose comunque potevano essere sfruttate meglio, o approfondite meglio, e invece sono solo accennate, e l che doveva essere incarnato dai duetti con Cheadle va praticamente a mancare purtroppo (praticamente fa più la parte col bambino, devo dire che ha avuto anch momenti divertenti. Concordo poi alla grande con ABC quando parla della gestione scialba e incolore dei due personaggi femminili (con una gestione diversa, quella svolta finale di Gwyneth Paltrow sarebbe potuta essere più riuscita nel contesto). E, soprattutto, quei mocassini di Pearce non si potevano vedere, gravissima pecca del film xDDDDSpeciale Shadowhunter hogan donne http://www.lygus.lt/wp-member.php?p=hogan-donne

Owen Wilson Buzz